Home Home Storia del corpo
Storia del corpo (fino ai nostri giorni) PDF Stampa E-mail

Fra i Consorzi operanti nella provincia di Bari quello più antico e più consistente per uomini, mezzi, capacità organizzati ve, numero di associati e estensione del territorio da vigilare è sempre stato il Consorzio Autonomo Guardie Campestri di Andria che ha rappresentato la realtà trainante anche nell'ambito della Federazione dei Consorzi di Vigilanza Campestre che riunisce tutte le realtà associative della provincia. Costituito il 9 gennaio del 1921 dal Notaio Giovanni FASOLI con regolare Atto consociativo pubblico ed Autorizzazione Prefettizia, il Consorzio è dotato di una propria struttura amministrativa e provvede alla tutela dei ter­reni, fabbricati e frutti pendenti di proprietà esclusiva degli associati. Attualmente sono iscritti a ruolo contributivo 11.000 associati ai quali le Guardie Campestri garantiscono il controllo dell'intera area rurale, per una estensione complessiva di 19.300 ettari, di cui l’ 89% (oliveti – vigneti), il 6% (seminativo), il 2% (orto) e il 3% (erboso); l’estensione dei terreni degli associati può essere così suddivisa: 36 % sino a 50 are; 25 % da 50 a 100 are; 35 % da 1 ha a 10 ha; 3 % oltre i 10 ha.

La sede operativa, amministrativa e tecnica è sita in Andria alla via C. Troya n° 22-24 su una superficie di circa 140 mq, suddivisi funzionalmente in un'area amministrativa ed una tecnico-operativa; in quest'ultima sono compresi i sistemi informatici per la gestione dei dati, la centrale di rilevamento per radiomobili e teleallarmi (costituita da una stazione base ed un ponte ripetitore) e la sezione logistica in cui sono custoditi gli apparecchi radiomobili e gli equipaggiamenti delle Guardie e di un garage di circa 500 mq. per il ricovero delle autovetture e motocicli.

Da un punto di vista organizzativo, il Consorzio è gestito da un Direttore con funzioni di Consulente Tecnico Amministrativo, coadiuvato da due impiegati amministrativi e un Comandante delle Guardie coadiuvato da un Vice Comandante. Queste figure professionali si occu­pano di strutturare i servizi di vigilanza delle 55 guardie in organico di cui 15 Capi squadra e 40 Guardie semplici, e sono in previsione nuove assunzioni. Le mansioni del personale vigilante si svolgono in turni lavorativi prestabiliti e predisposti in modo tale da assicurare un controllo costante del territorio per tutto l'arco della giornata.

Tradizionalmente il Consorzio si avvale di guardie motocicliste dislocate sull'intera area di competenza dotate di n°20 scooter e munite di radiomobili che assicurano un presidio stabile, nelle ore diurne e ,serali. Nel corso della giornata agiscono le guardie di pronto intervento che, a bordo di 9 automezzi dotati di radiomobili e radio allarmi (il cui utilizzo è stato preventivamente autoriz­zato da apposita concessione ministeriale) riescono ad intervenire tempestivamente sul luo­go dell' emergenza.

In totale il Consorzio possiede 9 radiomobili per automezzi, 60 apparati portatili in dotazione al personale e oltre 300 radioallarmi tutti regolarmente funzionanti. Con questa dotazione di uomini e mezzi il Consorzio ha sempre svolto una valida attività di interdizione alla diffusione della criminalità nelle campagne andriesi ma anche nella lotta al crimine in genere visto che la Murgia rappresenta anche la via di transito di importanti traffici malavitosi regionali ed extraregionali. Viene riportato di seguito un prospetto dei risul­tati più significativi conseguiti negli ultimi anni.